Un foulard per dire NO alla violenza contro le donne

Scarpette rosse, da sempre considerate il simbolo di una femminilità gioiosa, che ciascuna donna vuole esprimere liberamente, ma che sono diventante anche il ricordo di coloro che non ci sono più, delicate farfalle bianche volate via… La marcia silenziosa delle scarpe rosse è diventata un simbolo di protesta e di informazione in tutto il mondo e DAPHNÉ Sanremo ne ha fatto un foulard impresso su seta.

Un foulard che è diventato un importante simbolo a sostengono della lotta al femminicidio, come a Roma, dove ottocento imprenditrici provenienti da più di 50 Paesi del mondo hanno percorso la scalinata di Trinità dei Monti con un palloncino rosso e la scritta “Stop Violence against Women” questo il flash mob organizzato dal 65° congresso mondiale delle Femmes Chefs d’Enterprises Mondiale. Il loro motto oggi attuale come allora «Sole invisibili, unite invincibili» è accompagnato da un nuovo messaggio di fondamentale importanza «Basta alla Violenza contro le donne» con un palloncino rosso ed il foulard delle scarpette rosse per dar voce a tutte le donne.

 

«Come donne di impresa – affermano le rappresentanti di Fcem – non accettiamo la mercificazione delle donne nel mondo del lavoro e siamo vicine a chi trova il coraggio di denunciarle» un congresso che ha visto il passaggio di testimone alla neoPresidente Marie Christine Oghly che ha indossato per l’occasione il foulard delle “Scarpette rosse” creato dalla Maison Sanremese DAPHNÉ, associata di Aidda Liguria, per diffondere il messaggio della lotta alla violenza anche attraverso il mondo della moda.

Un foulard creato come segno di vicinanza al “nuovo coraggio” con cui le donne raccontano gli episodi di molestie e violenze di cui sono state protagoniste.