La casa di Moda Sanremese ha celebrato i 150 anni del Carnevale di Viareggio con un foulard esclusivo ponte tra Liguria e Toscana

Un’edizione speciale, quella appena conclusa, del 150esimo anno del Carnevale di Viareggio. Nata da una sfilata di carrozze addobbate a festa, il giorno di Martedì Grasso del 1873, la tradizione del Carnevale di Viareggio, a distanza di un secolo e mezzo, è la viva testimonianza di un’arte in cui satira, allegoria e voglia di evasione trovano espressione nella creatività dei maestri della cartapesta.

Per la prima volta una casa di Moda Ligure è stata invitata a prendere parte alla giuria dei Carri, un evento storico di particolare rilievo, ormai parte della Cultura Toscana. “Siamo orgogliose che la nostra Maison sia stata scelta per presenziare come giudice ad un evento di tale tradizione – hanno affermato Barbara e Monica Borsotto – la stessa tradizione che ci guida a portare avanti con orgoglio la nostra azienda artigiana di famiglia – l’eccellenza di un Atelier di alta moda italiana!”

Sfilate di grandi macchine allegoriche, opere d’arte e macchine teatrali con movimenti sempre più complessi e grandiosi, effetti scenografici, spettacoli e rievocazioni storiche con appuntamenti culturali e musicali sono stati i protagonisti delle celebrazioni dell’importante anniversario. Un’edizione speciale ricordata con un Foulard in seta biologica stampato con tecniche artigiane e nel rispetto della sostenibiltà, il tema carnevalesco impresso su seta immortala le mascotte della manifestazione ritratte dall’artista Uberto Bonetti.

Un Foulard dedicato alle tradizioni per valorizzare la cultura e l’identità di una regione che ha fatto del Carnevale un’eccellenza di artigianalità e di identità di un territorio; un connubio fra Toscana e Liguria, ancora una volta unite dal filo della seta.